Prima dell’8 marzo…

La ragazza della metro - da Picasa

La metropolitana è un non luogo insopportabile. Dovunque uno si trovi. Certo, scendere dal vagone alla fermata di Bond Street è assai più cool rispetto a Sesto Marelli, ma tant’è, sempre di un angusto spazio sporco e rumoroso si tratta.
Solo in un momento della giornata mi pare sopportabile il tragitto nelle viscere di Milano a cui sono costretta: in quell’orario di nessuno che va dalle 19:45 alle 21, quando ormai le famiglie sono riunite, gli amici fanno l’ape e i solitari nomadi urbani, invece, si trovano sui sedili appiccicosi del treno. Mi innamoro soprattutto delle ragazze. Come l’ora, anche loro sono impossibili da incasellare. Potrebbero essere studentesse, professioniste o casalinghe. Hanno perso lo sguardo fiero e fiducioso che si intravede al mattino tra i postumi del sonno e il fard appena steso. Con il trucco, anche la giornata è scivolata via e trascinano le loro borse enormi, inseguendo qualche sogno in più tra le pagine di un giornale o di un romanzo con le pieghe agli angoli delle pagine. Le amo, una per una. Le stimo perché sono belle sotto quelle luci al neon che ne spoglia i tratti del viso. Mi immagino le loro vite, vorrei sapere chi le aspetta, cosa hanno vissuto, da dove arrivano e dove stiano andando. Le amo, infondo, perché ognuna di loro porta con sè anche una briciola di me, e, guardandole benevola, coccolo anche la me stessa che resta lì, sballottata tra Milano e le lamiere.

Annunci

Informazioni su paginescure

Sguardo maligno di Dio/ Zucchero e catrame
Questa voce è stata pubblicata in Milano e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...